x
  1. Home
  2.  › 
  3. Svezia
  4.  › 

Museo Nazionale Svedese

Il più grande museo d'arte della Svezia

Il Museo Nazionale di Stato a Stoccolma è il più grande museo d'arte e design della Svezia. Espone principalmente dipinti, sculture, grafica, miniature, disegni e artigianato dal XVI secolo ad oggi. La collezione consiste di circa 700.000 oggetti e comprende anche opere note di artisti di fama mondiale come Rembrandt, Manet e Cranach.

  1. Il museo oggi: riapertura in autunno 2018
  2. La storia delle collezioni
  3. La storia dell'edificio del museo
  4. Informazioni sul museo

Il museo oggi: riapertura in autunno 2018

A causa di ampi lavori di ristrutturazione, il museo di Blasieholmen è stato chiuso per cinque anni. Il fulcro dei lavori di ristrutturazione è stato il rinnovamento energetico e antincendio dell’edificio, una fondamentale modernizzazione degli interni e la costruzione di un’ulteriore estensione. Allo stesso tempo, le finestre, che un tempo erano state ridotte di dimensioni per proteggere i lavori, sono state riportate alle loro dimensioni originali, permettendo un’abbondante luce diurna nell’edificio e mettendo in relazione il suo interno con l’ambiente circostante.

Il Museo Nazionale accoglie oggi il doppio dei visitatori rispetto a prima della sua chiusura e, pur conservando la sua spaziosità, espone il triplo degli oggetti di prima. Il museo è stato riaperto cerimonialmente il 13 ottobre 2018 alla presenza della coppia reale svedese e del ministro della cultura.

La riapertura cerimoniale del Museo Nazionale il 13 ottobre 2018 da parte della famiglia reale svedese (Foto: Linn Ahlgren/Nationalmuseum)

La storia delle collezioni

Gran parte degli oggetti esposti provengono dalle collezioni reali; una parte non trascurabile di questi fu catturata durante la guerra dei trent’anni. Altri monarchi si limitavano ad acquistare opere d’arte e ad acquisirle per scambio. Secondo il gusto dell’epoca, queste opere provenivano dalla Francia, dai Paesi Bassi, dall’Italia e dalla stessa Scandinavia. Anche la scuola di pittura di Düsseldorf è rappresentata. Anche se l’espansione delle collezioni era tutt’altro che sistematica e l’obiettivo delle stesse era incoerentemente o la pittura storica o l’acquisizione di opere d’arte rappresentative per le singole epoche, il focus degli sforzi di raccolta si spostò definitivamente dalla scultura ai dipinti.

Fu solo all’inizio del XX secolo che iniziò il collezionismo sistematico, per cui il museo dipendeva ripetutamente da donazioni e doni in denaro. L’interesse maggiore era ora per l’arte pittorica svedese del periodo romantico nazionale (cioè gli anni 1880 e 1890) e l’impressionismo francese. Fino all’apertura del Moderna Museet, si acquistava anche arte moderna del XIX secolo.

La Collezione Nazionale Svedese di Ritratti fa anche parte del Museo Nazionale ed è esposta al Castello di Gripsholm. La Konstbiblioteket, cioè la Biblioteca d’Arte, appartiene allo stesso modo al Museo Nazionale e al Museo Moderno ed è una delle più grandi istituzioni scandinave del suo genere. Altri musei e luoghi di esposizione sparsi nel paese sono anche co-amministrati centralmente dal Museo Nazionale.

I capolavori delle collezioni includono dipinti di Rubens e Dürer, Watteau e Rembrandt, Matisse e Delacroix, Zorn e Larsson. Anche la collezione di sculture copre una gamma considerevole – da Sergel a de Vries a Degas. Inoltre, ci sono innumerevoli grafici e disegni così come fotografie, arti e mestieri e mostre di design.

La storia dell’edificio del museo

L’edificio neorinascimentale rappresentativo è il risultato della collaborazione tra l’architetto tedesco Friedrich August Stüler (1800-1865), che ha progettato l’esterno, e il suo collega svedese Fredrik Wilhelm Scholander (1816-1881), responsabile del design interno.

Dopo dodici anni di costruzione, fu aperto nel 1866 in occasione dell’Esposizione di Stoccolma, che ebbe luogo nello stesso periodo. Le prime idee per un museo nazionale d’arte svedese risalgono a molto più tempo fa. Stüler, già un rinomato architetto di musei all’epoca, che aveva progettato, tra l’altro, il Neues Museum sull’Isola dei Musei di Berlino, doveva inizialmente agire in qualità di consulente, ma poi presentò i propri progetti per un edificio museale come un’opera d’arte totale, che incontrò un’ampia approvazione in Svezia. Per lui, l’edificio e le collezioni dovevano formare un’unità; un carattere da rivista doveva essere evitato a tutti i costi. La misura in cui Stüler si sia ispirato al titolo di Stoccolma come “Venezia del Nord” per l’edificio, che ricorda gli edifici rinascimentali veneziani, deve rimanere aperta qui.

Il nuovo edificio del museo, enormemente costoso per la sua epoca, consiste in una navata centrale affiancata da due ali simmetriche, entrambe le quali a loro volta racchiudono un cortile interno. Con una profondità di quasi 60 metri, l’edificio è largo quasi 90 metri e alto 30 metri, il che corrisponde a tre piani. Statica, protezione antincendio e riscaldamento (centrale) corrispondono alle ultime scoperte. Già durante la costruzione divenne chiaro che non ci sarebbe stato spazio per la Biblioteca Nazionale, come originariamente previsto. Il pavimento Bel destinato a questo scopo fu alla fine utilizzato per sculture e pezzi dell’armeria reale.

L’esterno è rivestito in pietra calcarea e granito; l’alzato centrale è anche adornato con figure in marmo e medaglioni di eroi nazionali svedesi. Le pareti inizialmente bianche dello scalone monumentale furono decorate poco prima della fine del secolo dal pittore svedese Carl Larsson (1853-1919) con motivi della storia (dell’arte) nazionale.

La scala con l’affresco di Carl Larsson “L’entrata di Gustav Vasa a Stoccolma” (Foto: Nationalmuseum/Bruno Ehrs)

Biglietti e prezzi

  • Lunedì chiuso
  • mar, mer, ven, sab, dom: 11.00-19.00
  • Giovedì aperto fino alle 21.00

Informazioni sul museo