x
  1. Home
  2.  › 
  3. Danimarca
  4.  › 
  5. Copenaghen

Palazzo AmalienborgTop 10

La famiglia reale danese ha la sua casa nei quattro palazzi rococò, che sono esattamente uguali. Il famoso cambio della guardia ha luogo qui ogni giorno alle 12 ed è da non perdere.

Palazzo Amalienborg

Il primo palazzo di Amalienborg fu completato nel 1673 ed era un palazzo di piacere di Federico III, re di Danimarca e Norvegia, per sua moglie Sophie Amalie di Brunswick-Lüneburg. Sophie Amalie, che era nota per il suo stile di vita sontuoso nonostante le ristrette finanze statali dell’epoca, visse lì con una corte sontuosa e un cerimoniale di corte fino alla sua morte nel 1680. Era quindi una tipica rappresentante dello zeitgeist aboslutista del primo barocco che prevaleva tra la nobiltà dell’epoca. Nel 1689, l’edificio bruciò completamente, lasciando una terra desolata. Oggi, il nuovo Palazzo di Amalienborg è composto da quattro edifici, è la residenza cittadina di Copenaghen della regina danese Margrethe II e una delle principali attrazioni della capitale danese.

La costruzione dei quattro palazzi sotto Frederik V.

Il sito dell’attuale Palazzo di Amalienborg si trova sul lungomare dello stretto che separa l’isola di Amager dalla terraferma, il che lo rendeva un luogo favorevole e centrale per la costruzione della capitale danese. A metà del XVII secolo, il re Frederik V progettò di costruire una piazza d’armi rappresentativa con un asse visivo verso la chiesa di marmo della città. Faceva parte di un progetto su larga scala per costruire un nuovo quartiere cittadino barocco basato sul modello francese, che doveva anche portare il nome del re: Frederikstadt. Trovò un terreno adatto per il suo progetto sul terreno incolto del Palazzo di Amalienborg bruciato, ma gli mancavano i mezzi finanziari necessari. Pertanto, donò il terreno incolto a quattro ricchi nobili, ma a condizione che fossero costruiti quattro palazzi rococò secondo i piani dell’architetto di corte Nikolei Eigtved. Così l’insieme del palazzo attuale è stato creato intorno a una piazza ottagonale, il cui centro è ornato da un monumento equestre al re Frederik V. I palazzi prendono anche il nome delle quattro famiglie che hanno vinto l’appalto in quel momento: Palais Schack, Palais Moltke, Palais Brockdorff e Palais Levetzau.

La funzione dei vari palazzi oggi

Palais Schack e Palais Brockdorff sono ora residenze della famiglia reale e non sono accessibili ai turisti. Servono principalmente come residenze invernali, dato che la regina trasferisce la sua residenza a Frederiksborg Palace, a circa 30 chilometri di distanza, in estate. Palais Moltke ospita alcune sale di studio e serve anche come casa degli ospiti della famiglia reale, ma può essere parzialmente visitato durante le visite guidate quando la famiglia reale è assente. Il palazzo è conosciuto soprattutto per la Sala dei Cavalieri o Sala Grande, dove la regina riceve regolarmente ospiti di alto rango e che è considerata una delle più belle creazioni rococò. Anche questa sala può essere visitata, soprattutto in estate. Al piano terra del Palais Levetzau si trova un museo dedicato alla storia e alla vita quotidiana della famiglia reale danese: Oltre a due sale di studio reali, qui si alternano varie mostre speciali, per esempio sugli abiti della regina o sulla corrispondenza reale.

La vista a mezzogiorno: il cambio della guardia

Uno spettacolo ben noto ad Amalienborg è il quotidiano cambio della guardia, a cui si può assistere anche fuori dal parco. La guardia del corpo reale marcia dal Palazzo Rosenborg attraverso la città fino ad Amalienborg alle 11.30 per cambiare le guardie alle 12.00. Il cambio della guardia è più spettacolare quando la regina stessa è nel palazzo, riconoscibile dallo sventolio della bandiera nazionale danese sopra il castello. Durante questo “cambio della guardia reale”, decine di soldati in uniforme da parata e accompagnati da un corpo musicale marciano sulla piazza centrale ottagonale. Se solo un principe ereditario, il principe consorte o la sorella della regina, la principessa Benedikte, è presente nel castello, il cosiddetto “cambio della guardia tenente” avviene con un reggimento più piccolo. Se nessuna di queste personalità reali è presente, c’è solo il “cambio della guardia di palazzo” con alcuni soldati e nessuna musica. Vale quindi la pena di informarsi sulla presenza della famiglia reale prima di iniziare la visita ad Amalienborg. Questo può anche darti l’opportunità di intravedere la regina di passaggio in persona.